mercoledì 27 gennaio 2010

Miao

"Pronto, qui è la Protezione Animali"
"Buongiorno, la chiamiamo per segnalare un caso di maltrattamento di animali domestici"
"Ma certo, siamo qui apposta. Ditemi tutto"
"Dunque, i soggetti maltrattati siamo noi, la Gatta Nera e la Gatta Grigia. La causa è un soggetto che si è introdotto da poco nella casa dove abitiamo, sconvolgendo la quiete e l'armonia che vi regnavamo. Tutto è iniziato la scorsa primavera, ma sta peggiorando: prima il soggetto era immobile o comunque si muoveva molto lentamente su quattro zampe. Ora invece è più veloce e procede a due zampe".
"In cosa consistono i maltrattamenti?"
"Il soggetto ci insegue SEMPRE, tutto il giorno. E a volte riesce a raggiungerci sottoponendoci a vere e proprie torture: ci immobilizza con le mani e poi prova a cavalcarci come fossimo dei cavalli! Anzi, schiocchia anche la lingua emettendo il verso "CLOP CLOP". A volte finge di accarezzarci, dice "CARA, CARA" invece tira il pelo con violenza, strappandolo. O ancora ci prende per la coda e non ci lascia più andare. Per fortuna la sera se ne va, così la notte siamo tranquilli, e abbiamo due giorni di riposo alla settimana"
"Altro?"
"Gli agguati possono essere improvvisi. Si avvicina mentre dormiamo sulla sedia o sul divano, ci solleva e poi ci lancia per terra gridando "OPLA-là". VIviamo in uno stato di continuo allerta. Siamo stressate, quindi oltre ai danni fisici vorremmo far presente che subiamo anche un danno psicologico. Il soggetto urla continuamente "NERAAAAA!!! GRIGIAAAA". Quando lo sentiamo ci vengono dei tic nervosi"
"Vi siete mai ribellate?"
"No, la nostra unica difesa è la fuga"
"Brave, brave. Ma venite nutrite regolarmente?"
"Direi di sì. Il soggetto si preoccupa che ci siano crocchette nella ciotola e nel caso in cui non ce ne siano abbastanza ne versa copiose quantità. E si premura anche che ci sia sempre acqua fresca"
"Descrivete questo soggetto: è alto?"
"Beh, non direi. Rispetto agli altri umani è molto basso"
"Quanto basso?"
"Mah, sarà alto quattro o cinque scatole di crocchette"
"Ah, è un bambino!"
"Veramente abbiamo motivo di ritenere che sia una bambina"
"Ancora meglio... volete farmi credere che due gatte non riescano a far fronte a una bambina... ah ah ah!"
"ma guardi ci fa male, davvero. E ci perseguita continuamente, non possiamo più stare tranquille..."
"Ma suvvia, non mettetela giù pesante... ah ah tutte queste lamentele per una bambina...."

11 commenti:

  1. Non dire gatto se non c'è l'hai nel sacco ....

    RispondiElimina
  2. Da sempre i bambini sono nemici degli animali domestici, Tom e Jerry a parte. Un bimbo in quanto tale non può esimersi nel manifestare il proprio affetto tormentando le povere bestiole ... per questomotivo consiglio vivamente un bell'acquario pieno di piranha.

    RispondiElimina
  3. @anonimo: tanto va la gatta al lardo che ci lascia lo zampino...

    @meravigliao: Ma jerry il topo è un animale domestico?

    RispondiElimina
  4. pare la telefonata che ha fatto "Gatto Rosso" la scorsa settimana...uguale!
    stessa modalità di attacco , stesso modo di servire i pasti, stesso strappo del pelo a mazzetti..solo che il mio Basso ogni tanto se le mangia pure le crocchette.
    ogni tanto GAtto Rosso artiglia la manica dello gnomo e rimangono attaccati così, contemplandosi!

    RispondiElimina
  5. Ma in fondo (ma proprio in fondo) secondo me si divertono pure loro 'sti gatti sennò non si farebbero prendere... e complimenti per le foto!

    RispondiElimina
  6. Quando il gatto non c'è, i topi ballano

    RispondiElimina
  7. Jerry va oltre il domestico. E' un animale in perfetta simbiosi con la casa ...

    RispondiElimina
  8. Errata corrige: Quando la bimba non c'è i gatti ballano ...

    RispondiElimina
  9. quando jerry non c'è, la Bassa balla

    RispondiElimina
  10. in effetti che il mio Gatto Rosso si diverte si capisce quando con la zampetta gli tira la pallina e aspetta...grazie per le foto!

    RispondiElimina
  11. ahahahah bellissimo!!
    anche noi abbiamo 2 gatti, che per ora girano, con circospezione, alla larga dal nano, il quale gliele promette a distanza.
    a volte, distratti, si avvicinano per poi scappare a gambe levate quando lui si butta su di loro a peso morto (ancora non si muove, per loro fortuna).
    ma prevedo scene tipo quella descritta! :-))
    poverini..
    e.

    RispondiElimina