lunedì 18 gennaio 2010

Lettone sì, lettone no

Quando quella Bassa dorme, dorme. Puoi accendere la musica a tutto volume, sollevarla, alzarla, sbattacchiarla in giro e lei non fa una piega, cade in una specie di catalessi.
Il problema è il passaggio dalla veglia al sonno. Lei non vuole cedere alla palpebra che cade, abbandonarsi nelle braccia di Morfeo per lei è una sconfitta personale.
La sera non si addormenta mai prima delle 10.30-11. Che è tardissimo. Quella Alta si addormenta prima. La super nonna bis è inorridita quando l'ha saputo: "Ma come i bambini di solito si addormentano alle 8.30-9!". Adesso ogni volta che la vede cerca di farla dormire, qualsiasi ora sia. Inutile dire che non ci riesce mai.
Sul dormire c'è la più grande divergenza d'opinione in campo educativo tra me e la Alta. La Alta vuole farla dormire nel suo lettino, costi quel costi, io invece sono per la linea morbida e mi piace che si addormenti nel lettone. Anche perchè quando abbiamo provato a insistere lasciandola piangere si è fatta venire il vomito stile esorcista... due volte... qui e qui).
"Gnnn.. non va bene per il suo sviluppo dormire nel lettone. DEVE addormentarsi da sola!" sentenzia quella Alta con voce acida stile tata Lucia di SS Tata
"Ma dai, che male c'è... a me piace, così ci facciamo anche le coccole"
Di solito, se andiamo a letto presto proviamo la modalità lettino, che comporta di solito stare un'ora come minimo seduti sul pavimento in camera sua cercando di obbligarla a dormire con lettura storie e ninne nanne. E spesso finisce tutto nel lettone perchè siamo esausti.
Se invece iniziamo la procedura tardi, andiamo diretti sul lettone.
l'altra sera quella Alta ha sconvolto il normale ordine delle cose mettendola alle 10.30 sul lettino.
"Ma dai, portala nel lettone è tardi... si addormenta alle due!"
"SSHHHH è colpa tua se non si addormenta nel lettino. Lei ha capito che tu sei l'anello debole e se ne approffita. Senti ora è lì che gioca con gli animali tranquilla. Tra poco si addormenterà, da sola, nel suo lettino come è giusto che sia!"
"MAMMMAAAAAAAA"
"Vedi, ti chiama. Valla a prendere che è tardi"
"No"
"MAMMMAAAAAAAAA UEEEEEEEEEEEE"
"Non possiamo cedere al primo frigno, sennò è finita, abbiamo perso"
"Ma dai..."
Piange e si lamenta un po', poi silenzio
"Ecco vedi, avevo ragione io. Perchè non lo ammetti? si è addormentata"
"Beh, effettivamente... però devi andare a metterle il sacco nanna"
"Ok, vado"
Va.
E torna con la bimba in braccio.
"Ehm... era ancora sveglia".
"AH!!! Hai visto che avevo ragione io, chiedimi scusa, adesso, chiedimi scusa!"
"'Cusa"
"Oh Bassa gioia dei miei occhi, non tu, ma quella sciroccata della mamma"
"'cusa 'cusa 'cusa"
"Bastaaa"
Poi inizia il solito show basso. Per un'ora sembra che la bambina si sia addormentata poi si alza e ricade. Come i cattivi dei film americani che non muoiono mai. Il problema è che punta sempre alla testata del letto che è in ferro battuto. Se lo prende con la testa in una delle sue cadute si spacca la testa. Il prossimo lo prendiamo in stoffa imbottita.

4 commenti:

  1. Tanta solidarietà..davvero!
    Comunque anche da me, nonostante un chill out perfetto, prima delle 22 non si riesce a sedare la belva.. Io sto provando la linea dura, quella dell'Alta :) e devo dire che mi trovo bene..Rieducarlo al lettino dopo una sola notte di lettone (era malato, pigrizia mia che dopo il quarantesimo "mammaaa, acqua" ho ceduto e me lo sono tenuto vicino) mi è costato tantissimo, incluse scenate isteriche sue (ammetto, anche mie..)..
    In bocca al lupo!

    RispondiElimina
  2. Provate con un FUTON!

    RispondiElimina
  3. ciao, che bello sto blog complimenti!
    avete provato a leggere 'fate la nanna' di estivill? anche quello è un po' SS ma ti fa capire quanto son furbetti i nostri nani.
    per la cronaca cmq, io ho applicato il metodo, e funziona. giuro.
    in bocca al lupo.
    e.

    RispondiElimina
  4. Cara emanuelas, grazie per il complimento! Di Estivill ne abbiamo sentito molto parlare ma effettivamente non l'abbiamo letto... siamo più orientati su "Fa la nanna bastardo" (non ricordo l'autore), non so qualcuno lo conosce...

    RispondiElimina