venerdì 22 gennaio 2010

Mondo al rovescio

Ieri mi sono ritrovato insieme a un improbabile gruppetto e ho creduto di avere un'allucinazione. C'erano:
- il costruttore-palazzinaro del complesso dove abito. Età dichiarata: 25 anni.
- il nuovo amministratore. Età presunta: 25-30 anni.
- l'architetto del suddetto complesso. Età presunta: 35 anni.

Credevo di sognare. Gente così giovane, praticamente ancora in fasce, già in posizioni dirigenziali. In Italia! E poi si dice che da noi per i giovani non ci sono possibilità di farsi strada, di emergere ecc. ecc. E invece...

Note a margine:
- il costruttore si è trovato per caso in questi panni. Il padre è mancato improvvisamente a dicembre, lasciando un maxi cantiere avviato. "Io facevo il commercialista e mi sono trovato in mezzo a muratori e carpentieri. E non ne capisco niente".
- l'amministratore probabilmente è alla sua prima esperienza lavorativa. è stato eletto dopo che il suo predecessore, scelto dall'impresa costruttrice, è stato defenestrato durante l'assemblea (aveva chiesto 900 euro per il cambio delle lampadine nel primo anno di gestione di un palazzo nuovo. Ha rischiato la lapidazione). Dopo mesi di anarchia e autogestione, è sbucato lui e ha vinto. Nel verbale della sua prima assemblea, per ogni punto, ha scritto: "Dopo una lunga discussione, si è deciso che...". Che discussione? chi ha deciso? chi ha detto sì, chi no?!?! credo non sia molto legale, ma comunque bisogna riconoscere che il ragazzo si impegna. Cresce comunque il sospetto che sia una testa di legno, un burattino: i fili li muove "il genio del palazzo", quello che sa-tutto-lui, conosce-tutti-lui ed è bravo-solo-lui. Quello che, per intenderci, ha eliminato la neve dallo scivolo del garage con il getto d'acqua dell'idrante in una gelida mattina di dicembre (leggi qui).
- l'architetto non so perchè sia stato scelto. Forse è figlio di, nipote di.
O è possibile che sia stato scelto perchè è solo bravo?

Ah, ah ah... ci avrete mica creduto!!!

13 commenti:

  1. ... "solo" perchè era bravo!?!? a 35 anni? mi sto ancora asciugando le lacrime... dal ridere (?!?!)

    RispondiElimina
  2. Uno pensa che le storie sulle riunioni di condominio siano delle esagerazioni, delle leggende metropolitane... e invece è proprio così! alle riunioni di condominio viene fuori il peggio di ciascuno e nessuno si fida del proprio vicino!
    Poverino l'amministratore... magari è bravo davvero...

    Dai, io voglio crederci, sono dei bravi giuovini che lavorano grazie alle loro professionalità... può essere?

    RispondiElimina
  3. Hai ragione, non bisogna essere così cinici e disillusi. Voglio credere che ci siano anche in Italia dei baldi giovini che hanno successo esclusivamente grazie al proprio talento.
    Ora scusate ma devo andare a pranzo con Babbo Natale.

    RispondiElimina
  4. Secondo me sono stati clonati, avete presente "I RAGAZZI VENUTI DAL BRASILE"? Brrr ... che brivido all'idea ...

    RispondiElimina
  5. Mi sono accorto che non tutti conoscono quel capolavoro, anche se la CAVIA da me utilizzata non fa testo.

    RispondiElimina
  6. Ma caro Mr. Ikea, come si può non conoscere quel capolavoro, caposaldo della filmografia internazionale?!!? (già, come? non me ne capacito).

    RispondiElimina
  7. caro BLOG, hai ragione e chiedo venia, dovevo scegliere una CAVIA ben più attendibile ...

    RispondiElimina
  8. Prof. W. A. Plautmasch23 gennaio 2010 17:01

    Buon Giorno, mi presento: sono il prof. Wildebrando Apollonius Plautmasch noto esperto in "Scienza del comportamento umano", nonchè tuttologo nonchè autore di molti trattati e molti libri. Ho scoperto questo simpatico e interessantissimo BLOG al quale, previo consenso del suo simpatico AUTORE, cercherò di contribuire con la mia esperienza e con la mia cultura.

    RispondiElimina
  9. I "giovani" di uno studio tecnico costano meno dei senior.. Può essere sufficiente? :)

    RispondiElimina
  10. @dott.prof. Plautmasch. Il BLOG è già onorato di poter annoverare il suo prestigioso nome tra i commentatori. Sarebbe ONORATO a poter avvalersi del suo contributo. Ma il nome risulta un po' difficile. Potrei chiamarla solo Wilde?

    @ma, potrebbe. Ma farebbero anche firmare il progetto?!?!

    RispondiElimina
  11. Prof. W. A. Plautmasch25 gennaio 2010 13:29

    La ringrazio per avermi accettato. sarà un onore discutere con Lei e i suoi gentili ospiti. Per quanto riguarda il mio nome, potrebbe andare benissimo Prof. W.A.P. (Wilde mi ricorda l'assai meno famoso Oscar Fingal O'Flaherty Wills)

    RispondiElimina
  12. Nnnno.
    Non credo che l'architetto possa essere stato scelto solo perché bravo. Nnnnno.
    altrimenti dicci dove abiti e ci trasferiamo tutti lì.

    Mimì-moglie-di-architetto-senza-studio-di-famiglia

    RispondiElimina
  13. Cara Mimì, amaramente devo dire che lo sospettavo...

    RispondiElimina