venerdì 12 marzo 2010

Colpevoli: arrestati!

Berlino è la città in cima alla top ten dei "posti-dove-vorremmo-trascorrere-un-weekend-non-appena-il-conto-corrente-diventerà-eco-compatibile" (ossia verde).
Ma ho sempre più paura ad andarci.
L'altro giorno, mentre tipo zombie percorrevo il mio quotidiano tragitto da pendolare, mi hanno sbattuto contro il muso delle guide super scontate delle capitali europee (ah, questi specialisti del marketing sanno come far sognare le persone alla mattina!).
Ho scelto Berlino e mentre la metropolitana faceva il suo tragitto ho sfogliato la guida. Leggiucchiando qui e là mi colpiscono alcuni dati, tipo: "ottima città da girare in bici, grazie a una rete di 90 chilometri di piste ciclabili".
Visto che ero in tema, ho letto il paragrafo dedicato ai mezzi pubblici, che diceva pressapoco così:
"Il biglietto costa poco e offre possibilità illimitate: prendere la metro, il bus, la nave". Figo. In più so che è una città molto attenta ai bambini in tante piccole cose. Ad esempio alle famiglie con bimbi piccoli fanno addirittura saltare la coda ai musei. Insomma, anni luce avanti.
Vado avanti a leggere: "Tutta la città è tappezzata da queste scritte: "Siamo molto spiacenti di informarvi che i treni della nuova linea potrebbero avere dei ritardi a causa di alcuni amministratori, che adesso sono stati condannati e sono in prigione"".
Cioè non so se mi spiego... delle persone colpevoli che sono in galera! ma ma ma dico io, che paese è questo.

Ho paura che se vado non torno più.

PS è anche vero che dei miei ex colleghi che si sono trasferiti in germania hanno preso la multa perchè hanno attraversato, a piedi, con il semaforo rosso.

19 commenti:

  1. Ma ti conviene andarci? A me, dell'Est, attira Praga. Ci son stata sotto Natale. Bellissima

    RispondiElimina
  2. Berlino è Wonderland. Te lo garantisco
    Silvia

    RispondiElimina
  3. @bismama: ... e freddissima, no? il clima è un gran deterrente... ma anche il fatto che forse sono un po' troppo quadrati!

    @silvia: vero? continuo a sospettarlo!

    RispondiElimina
  4. Berlino è bellissima. Ci sono stata qualche anno fa e voglio tornarci il prima possibile.
    La città è meravigliosa, ci sono mille cose da vedere, tutto funziona, tutto è puntuale e io sono rimasta basita dal fatto che in metropolitana non c'è una barriera che obblighi a obliterare il biglietto: l'obliteratrice è semplicemente lì, sulla banchina, e nessun tedesco si sogna di fare il furbo.

    Però i berlinesi, come dire...non sono propriamente Italian-friendly. L'inglese spesso e volentieri fingono di non saperlo, nei ristoranti i menù sono solo in tedesco e se ci impieghi troppo ad ordinare o chiedi spiegazioni sui piatti si scocciano subito. Per me, che in tedesco so dire solo kartoffeln, è stata abbastanza tragica.

    Però magari son cascata male io eh...

    RispondiElimina
  5. L'ex Dirimpettaio12 marzo 2010 12:53

    Berlino? Ottima idea ... però pensavo vi interessasse l'AFRICA, vista tutta questa mania per il legno IROKO!!

    RispondiElimina
  6. @bia: dici? può essere... alla fine dovrà pur averlo qualche lato negativo!

    @ex dirimpettaio: da quando hai cambiato ufficio non ti sentiva più, mi stavo quasi preoccupando!

    RispondiElimina
  7. Io sono di parte, ma non riesco proprio a trattenermi: BERLINO BERLINO BERLINO BERLINO BERLINO BERLINO!!!!

    RispondiElimina
  8. @jane: è vero! ci hai fatto l'erasmus! però poi sei tornata...

    RispondiElimina
  9. Si: il più grande errore della mia vita...sigh...

    RispondiElimina
  10. io sono stato a berlino la scorsa estate. bellissima, efficientissima, pulitissima.

    ho dovuto comprimere tutto quello che volevo vedere in 4 giorni e ce l'ho fatta senza problemi grazie ad una metro veloce che copre tutta la città, e mi sono ripromesso di tornarci con calma e vivermela tutta.
    approvo la scelta, decisamente! :)

    RispondiElimina
  11. Berlino è molto affascinante.
    Se andate vi consiglio il museo al Check Point Charlie (quello all'ingresso del "fu" settore americano) dove sono raccolti e spiegati i mezzi incredibili con cui negli anni le persone cercavano di scappare da Berlino Est: molto toccante.
    Eventualmente a distanza di due ore di treno (e che treno!) c'è la meravigliosa Dresda, città di cui si parla poco turisticamente, ma che merita davvero una visita.

    RispondiElimina
  12. ciao, noi viviamo fuori dall'italia da un po' di anni oramai, prima barcellona, ora zurigo. certo, non due città qualsiasi, ma sono quasi certa che anche andando nello zimbabwe saresti tentato di non tornare più. certo poi ci sono le famiglie, gli affetti, la vita di una vita, e anche la bellezza. ma i servizi? la tolleranza? il rispetto? i mezzi pubblici? la sanità? l'aria pulita? e da non tralasciare, il LAVORO? noi vorremmo tornare, soprattutto ora con la pupetta, sarebbe più facile per noi, più bello per i nonni, ma come si fa? l'andazzo odierno certo non ci fa sperare in un futuro migliore, responsabili anche noi, che anziché lottare, ci siamo arresi e sospesi nel limbo dell'emigrante...

    RispondiElimina
  13. Già, lì tutto funziona meglio ma a volte esagerano un po': dei miei amici che volevano adottare un gattino hanno dovuto compilare un questionario di 4 pagine e gli è stato chiesto di prendersi 2 settimane di ferie per seguire il gatto nel suo inserimento nella nuova casa (che ovviamente avrebbe dovuto essere ispezionata per accertarsi che non ci fossero elementi di rischio per il quadrupede).
    Alla fine hanno preso il gatto in Italia e l'hanno portato in Germania da immigrato clandestino!
    Però Berlino va vista assolutamente!

    RispondiElimina
  14. Questa del gattino è veramente interessante!
    Se uno vuole adottare un parquet IROKO, che cosa deve fare?

    RispondiElimina
  15. infatti sia io sia la alta abbiamo due contratti a tempo indeterminato, oltretutto inerenti al settore in cui abbiamo studiato. Credo che se lo sapesse qualche trasmissione televisiva ci inviterebbe come esemplari più unici che rari.
    Questo è un grosso freno all'espatrio, ma nella vita non si sa mai (vero anche che il mio datore di lavoro è lo stato, quindi se dovesse licenziarmi sarebbe davvero grama...)

    RispondiElimina
  16. è vero pure che poi si esagera (credo che anche in svizzera sia un po' così, no mammatac?). tipo io pagherei un sacco di soldi di multa per non attraversare quando è verde il semaforo pedonale o fuori dalle strisce.
    La storia del gattino clandestino è quasi commovente. Se avessero voluto un cane ci sarebbero stati i 5 mesi di maternità obbligatoria?!
    credo per l'iroko essendo immigrato extra ue non ci sarebbero speranze...

    RispondiElimina
  17. un collega anonimo16 marzo 2010 09:56

    Anche io subisco il fascino della Germania! Settimana scorsa ho visto il film Soul Kitchen, ambientato ad Amburgo (bel film, peraltro). Amburgo è oggettivamente una città bruttissima, ma a me è piaciuta lo stesso.
    A Berlino sono stato anche io per qualche giorno, bellissimo viaggio.

    RispondiElimina
  18. eh si, noi qui non abbiamo la macchina, ma facciamo il car sharing (tipo per andare da ikea di sabato pomeriggio) e OGNI volta che la prendiamo portiamo a casa pure una bella multa. devono farsi un bel po' di risate con le nostre foto dai rilevatori automatici. ti scattano 2 foto nell'arco di pochi secondi: nella prima abbiamo la faccia titubante, tipo "se potrà fa' sta cosa?!"; nella seconda, fissiamo dritti la camera, troppo tardi scovata, e con un'espressione mista di dolore e rabbia, imprechiamo in svizzero-tedesco...menomale che i trasporti pubblici funzionano alla grande!

    RispondiElimina
  19. @mammatac: l'ikea il sabato pomeriggio è un'usanza che fa tanto sentire a casa, no?!
    anche con le multe, ne vale la pena!

    RispondiElimina