martedì 20 aprile 2010

L'ultima regola

Sottotitolo: Meglio un murales o la tv? (La risposta non è così scontata. Prima di esprimere un giudizio affrettato si prega di leggere tutto il post)

Avevamo stilato una lunga lista di regole stile SOS Tata per la gestione della nostra coinquilina Bassa.
Si trattava di regole semplici e ragionevoli, tipo non lanciare il cibo per la cucina e gli altri microlocali, non salire in piedi sulla sedia dopo averla appoggiata sopra il divano, non mangiare le formiche, non rovesciarti addosso l'acqua bollente, non tirare i calci in faccia a mamma e papà quando ti addormenti nel lettone...
Una per volta, abbiamo ceduto e della lista è rimasta solo una regola:

Non si guarda la televisione -prima di mezzogiorno-.
(dall'originale si evince che la seconda parte della frase è stata aggiunta successivamente per ammorbidire un po' la questione ed evitare l'incoerenza).

Ora però anche questa regola sta vacillando.
Perchè succede che la mattina, quando io sono già uscito di casa per andare al lavoro, la mia coinquilina Alta ha dei problemi di gestione di quella Bassa.
L'ultimo episodio è sfociato nella realizzazione di un murales in sala.
Disegno che, tra l'altro, dimostra già una certa vena artistica. Si vede che è figlia d'arte. (Vedete come l'ho presa bene, da ciò si evince che sono un papà moderno... c'è chi avrebbe chiesto il divorzio per molto meno. Si allega foto-testimonianza che si prega di osservare con attenzione - si vede anche un pezzo della super televisione ribattezzata a suo tempo Il mostro)


"Alta, ma tu dov'eri mentre lei colorava la parete?"
"DI là a prepararmi per andare al lavoro!"
"E hai lasciato la Bassa sola con i pastelli a cera? (Per inciso: glielo avevo detto che non era una buona idea comprare i pastelli a cera, se solo mi ascoltasse...)"
"Certo, cos'altro dovevo fare?! accenderle la televisione per farla stare buona?"
"NO! Non possiamo cedere anche su questo. Dovessi passare tutti i fine settimana a imbiancare casa".

Ora non resta che appurare che la scritta "lavabile" sulla scatola dei pastelli a cera fosse veritiera. Mi lascia solo perplesso la postilla "tranne che su superfici porose". La parete è porosa? Lo scopriremo solo vivendo.

22 commenti:

  1. Beh sembra quasi che i nostri nanetti in questi giorni si siano messi d'accordo. Ti consiglio di leggere il mio post in fondo al quale troverai un utile consiglio a proposito. E' stato provato sulla nostra pelle proprio sabato pomeriggio.

    RispondiElimina
  2. silvia, la magggggica gomma di mastro lindo la provo sicuramente!!!!

    RispondiElimina
  3. PS ma che si siano coalizzati? Ma che ci sia qualche imbianchino che li finanzia di nascosto?

    RispondiElimina
  4. la parete è porosa..
    a me no che non hai una tinta di quelle plastificate super lavabili..
    ma guarda il lato positivo:
    non è poi così male il murales. potreste tenerlo, e lasciarglielo finire.
    una parete destinata alla Bassa ci vorrebbe, è anche divertente, fate una linea sopra il metro/metroeventi, e datele la regola, oltre quella non si va.
    meglio un murales che la bimba davanti alla tv. sicuro. facci sapere.
    ;-)

    RispondiElimina
  5. è sicuramente un'artista, bisogna incoraggiarla!
    comunque da noi la regola della tv funziona al contrario: accesa solo la mattina quando la mamma si prepara per uscire e la sera metre la mamma cucina. E' una scelta di sopravvivenza altrimenti sai che disastri!
    Cla

    RispondiElimina
  6. @emanuelas: niente tinte lavabili. Mia mamma, santa donna, ci ha già comprato dei mega teli per non reprimere la creatività bassa. Lei però suggeriva di metterli per terra (a tutela parquet iroko finitura cera!)

    @cla: la sera anche noi, ma la mattina è ancora una nicchia protetta tv free. A forte rischio.

    RispondiElimina
  7. Io, che sono cresciuta letteralmente a pane e televisione e ciononostante mi pregio d'essere una persona normale e non un serial killer o una che butta le cartacce in giro per strada (gente che ha, di base, la stessa fibra morale!), sono sempre stata assolutamente pro-televisione.
    Per fortuna mio figlio si concentra moltissimo nel guardare i cartoni animati e tutti noi possiamo svolgere N attività altrimenti impossibili entro determinati orari.
    Sono contraria alle demonizzazioni: tieni conto che non le stai facendo vedere Uomini e Donne e manco CSI... ma dei cartoni animati che al massimo (Tipo "L'Agente Oso") le insegnano a lavarsi i denti, a saltare la corda, giocare a mondo e preparare l'impasto dei pancake (vabbeh,certune puntate sono più "pericolose" di altre, lo ammetto) . Mica Georgie, che si faceva i fratelli adottivi e poi andava a convivere More Uxorio con un biondino inutile e malaticcio che si faceva mantenere a suon di lavoro straordinario come sartina immigrata di recente e sottopagata (e lascio perdere che uno dei fratelli nella storia originale veniva sodomizzato dal figlio/nipote del Duca Di Deringer...)
    :-)
    Ops... avevo appena affermato di essere una persona normale... mi sa che ho straparlato...
    LaCherry

    RispondiElimina
  8. @LaCherry: davvero nella storia originale di Georgie c'è questa storiaccia con il duca di deringer (ma chi era il duca di deringer? e a chi capitava: ad abel o arthur?). Sono un po' sconvolto dalla rivelazione.
    Per ora la Bassa guarda i cartoni alla sera, la nostra idea di non farle vedere i cartoni fino ai 3 anni è naufragato prestissimo con l'arrivo di sky.
    lei è fan di pippi calzelunge, olivia, dora l'esploratrice, diego, miffy... e ha solo 20 mesi!!! Ma ultimamente preferisce you tube alla tv... insomma preferisce scegliere lei quello da guardare piuttosto che assistere passivamente alla programmazione televisiva. si sta appassionando per pluto e creamy... di cui stiamo riguardando le puntate on line... davvero bello!!! Paripampù!

    RispondiElimina
  9. per quanto riguarda Georgie: succede che Arthur, avendo assistito a non mi ricordo più che crimine ed essendone quindi testimone, viene fatto prigioniero da questo tizio con i capelli turchini (non ricordo più se figlio o nipote del mefistofelico Duca già responsabile della deportazione del padre di Georgie e già a propria volta padre di Elisa, la fidanzata dell'inutile biondino tubercolotico...) lunghi e lisci, un po' ambiguo. La storia originale vorrebbe che questo drogasse Arthur e che pure lo sodomizzasse. Ebbene si. Infatti in Giappone Georgie non è un manga per bambini...

    Per venire alle scelte di cartoni, mio figlio è talmente innamorato di Diego che insiste per voler dare lo stesso nome al fratellino che sta per nascere...

    Noi You Tube lo abbiamo drenato di ogni filmato possibile e disponibile sui Teletubbies quando è capitata la crisi della sparizione del canale Raisat dove li facevano... non ti dico che razza di film porno si celano dietro molti titoli innocui. Infatti abbiamo dovuto filtrare il tutto molto accuratamente...
    Per fortuna adesso, mattina e sera, sono tornati i maledetti pupazzoidi su DeaKids...

    RispondiElimina
  10. cavolo è vero... certi dettagli di georgie non me li ricordavo... complimenti per la memoria!!!

    idem per diego: la Bassa lo preferisce decisamente alla cugina Dora (che ha la testa gigantesca, tra l'altro, mentre Diego è più figo. E poi Dora continua a dire "è fatta è fatta" riferendosi ovviamente al suo stato di tossicodipendente...

    Teletubbies: per ora non li conosce. Per ora siamo salvi.

    RispondiElimina
  11. Oddio! Non è che poi scopriamo che Diego ha una storia con uno scimpanzè????

    RispondiElimina
  12. Nobilmantis (2)20 aprile 2010 12:28

    Dimenticavo: a proposito di Teletubbies, cercateli su wikipedia, dopidchè andate alla sezione "Controversie".

    RispondiElimina
  13. Riporto da wikipedia:

    Nel maggio 2007, la parlamentare polacca Ewa Sowinska, deputata del partito cattolico conservatore Lega delle Famiglie Polacche e responsabile dell'Agenzia Nazionale per la Protezione dei Bambini, accusava la serie tv di contenere segnali a favore dell'omosessualità: «Si tratta di una specie di cartone simpatico e innocuo. Non mi ero però accorta che il protagonista Tinky Winky, porta con sé sempre una borsetta rossa pur essendo un maschio. All'inizio pensai che la borsetta potesse essere una caratteristica di questo personaggio, dopo ho capito che poteva avere un messaggio omosessuale nascosto. Rischia di mandare un messaggio sbagliato ai bambini». Con queste motivazioni la Sowinska voleva affidare a un'equipe di psicologi infantili un'inchiesta sui quattro personaggi della serie televisiva della Bbc. Successivamente la stessa Sowinska ha leggermente calato i toni facendo comunque continuare la valutazione se sospendere la programmazione dei Teletubbies.[2]

    La parlamentare polacca non è stata l'unica a tacciare di omosessualità Tinky Winky, di fatto nel 1999 il reverendo Jerry Falwell, della Liberty University a Lynchburg in Virginia, famoso per posizioni più che estremiste, ha fatto notare in un articolo che il personaggio "è viola, come il colore simbolo dell'orgoglio gay, e che la sua antenna è a triangolo proprio come il simbolo dell'orgoglio gay" ("he is purple - the gay pride color; and his antenna is shaped like a triangle - the gay-pride symbol").

    RispondiElimina
  14. 'anvedi la parlamentare polvacca...

    Cmq è dora che ha una scimmia per amico. mentre diego ha un giaguaro e una sorella, alicia. Che non saltino fuori storie strane anche qui, eh! che oggi non si può più stare tranquilli...

    RispondiElimina
  15. "Può darsi ch'io non sappia cosa dico,
    scegliendo te - una scimmia - per amico,
    ma il mio mestiere è far l'esploratrice
    lavare i panni al fiume o in lavatrice";

    RispondiElimina
  16. l'animo artistico della bassa si sta mostrando, a quanto leggo..
    non cedete, mi raccomando! mia zia al primo disegnino abbozzò un "vabbè, è uno, ma poi la controllo" e ora ha metà dei muri di casa colorati di rosa, viola e fucsia.
    sull'altra metà ha appiccicato dei fogli nella speranza che la bimba scriva su quelli. (ovviamente lei alza il foglio, scrive e lo riabbassa, così la madre è contenta e crede di avere ancora il 50% dei muri di casa immacolati).

    RispondiElimina
  17. Gomma mastrolindo...un invenzione straordinaria, perchè dopo gli innocui disegnini...arriveranno le impronte, pare che la nuova generazione abbia una spina dorsale alquanto instabile e necessiti di appoggiarsi alle pareti...con estremità non sempre pulitissime...

    RispondiElimina
  18. @meravigliao: ;-) chapeau!

    @cesco: grande la nipotina!

    @mammaincina: acquisto da fare... però pure le impronte, no!

    RispondiElimina
  19. ciao, sono pat trimamma. Noi sposati da dieci anni non abbiamo mai posseduto la tv. Certo abbiamo un computer con schermo grande per vedere qualche cartone ogni tanto. Senza tv i bimbi giocano molto di più e pure noi. Leggiamo molto, disegnamo molto. Consiglio dei fogli formato a3 a portata di mano della bassa. Comunque qualche murales è pure carino. Poi, giusto per non farmi i fatti miei, consiglio un fratellino. I miei due primi, molto vicini, hanno sempre giocato molto insieme e stressato poco noi grandi. I miei sul muro hanno dipinto, non autorizzati, con: cere, matite, pennarelli, timbri, rossetto, impronte commestibili e non. Più è poroso il materiale es. le cere, meno si riesce a cancellare...il rossetto poi! inoltre a noi tutti piace tinki winki anche se il preferito è dipsi, verde speranza, ciao!

    RispondiElimina
  20. L'EX Dirimpettaio20 aprile 2010 22:37

    Si, un fratellino. Lo consiglio anche io. Datti da fare, mio baldanzoso amico ... :-)

    RispondiElimina
  21. @pat trimamma. complimenti per la scelta no-tv. Anche noi ci avevamo provato all'inizio, ma sono caduto in tentazione con lo schermo piatto e ho esagerato, come mia natura, acquistando addirittura un 40 pollici con sky. Subito pentito ma... lo teniamo. Anche se la bassa preferisce internet...

    @pat/ex dirimpettaio sui consigli di prole: non siete mia mamma sotto mentite spoglie, vero?!!?

    RispondiElimina
  22. in realtà, non è un male se queste cose le fa ora. se avesse un'infanzia tranquillissima, poi finirebbe come me, che i murales li facevo sui muri FUORI casa, in un'età in cui avrei potuto ancora gravare sulla fedina penale dei miei. e non con i pastelli a cera. io lo considero un buon segno, insomma.

    RispondiElimina