venerdì 2 aprile 2010

Necessità primarie

Quando guardi casa tua e senti che manca qualcosa,
quando capisci che il tavolo è diventato troppo piccolo,
quando prendi le misure delle pareti compulsivamente,
quando anche la domenica pomeriggio non sembra poi così male,
quando ormai conosci tutti i nomi dei mobili di casa tua e anche di quelli di casa dei tuoi amici,
quando inizi a comprare gli ovetti Kinder pur di avere dei pezzi da assemblare,
quando chiedi a tua moglie di cucinarti le polpette, anche se sai che le altre hanno un sapore diverso,
quando inizi a scrivere liste con parole in una lingua sconosciuta e cerchi su internet il numero di scaffale dove trovarle così saprai già dove andare,

In quel momento, in qualsiasi parte del mondo si trovi, un uomo lo sa con certezza:
è arrivato il momento di andare all'Ikea.

13 commenti:

  1. All'Ikea oppure al Brico?!
    Aspetta aspetta, volendo c'è anche Mondo Convenienza... :-)

    PS: Per montare le sorpresine degli ovetti Kinder serve una laurea in Ingegneria!!! Io non ce la posso fare...

    RispondiElimina
  2. beh anche il brico è un punto fondamentale della mia vita... però quello è vicino e piccolo, l'ikea richiede tutto un altro impegno!

    RispondiElimina
  3. si lo so che si prova nel perido di astinenza da Ikea... capita spesso anche a me, il problema e che poi torno a casa con oggetti inutili, che poi, naturalmente, tocca a mio marito montare.

    RispondiElimina
  4. @silvia: se vuoi li posso montare io i mobili che mi diverto un casino!

    RispondiElimina
  5. L'Ikea è la mia idea di paradiso! :D

    RispondiElimina
  6. @jane: pare che al posto della chiave ora san pietro usi la family card...

    RispondiElimina
  7. hahaha..è una sindrome comune mi pare!
    è anche la mia idea di paradiso.
    ma com'è che non riesco a contagiare il mio LUI..? neppure con le polpette ci sono riuscita..
    oramai mi manda da sola.
    ma cmq, meglio soli che male accompagnati, soprattutto in un luogo di perdizione come quello!! ;-))

    RispondiElimina
  8. è vero emanuelas... ma forse meglio andare separati, anche perchè credo che sia uno dei posti AL MONDO dove le famiglie litigano di più. Sarà la stanchezza o le divergenze di opinioni ma c'è sempre gente che sbrocca!

    RispondiElimina
  9. :-) SENZA PAROLE

    RispondiElimina
  10. Io non ho Ikea vicino a me.....:-((( altrimenti ci comprerei tutto...sempre

    RispondiElimina
  11. Che bel crescendo di suspance...bravo! Fino alle polpette pensavo avessi un'amante!
    (Magari svedese)

    RispondiElimina
  12. e pensare che ci sono stato due settimane fa e quando sono tornato ero pieno di cornici, cornicine, cornicette, balocchi e balocchini e mi ero scordato di prendere il tavolino da tv per cui in origine c'ero andato.

    RispondiElimina
  13. @Mr. Ikea: un post dedicato a te, praticamente!

    @bismama 2.0: eh son sfortune... ma esistono i traslochi! ;)

    @extramamma: ma chi può dirlo... si sa mai nella vita...

    @cescocesto: è un classico, per questo bisogna fare la lista, sennò è la fine!

    RispondiElimina