lunedì 19 aprile 2010

Chi è causa del suo mal...

Nota: Questo post è sconsigliato agli amanti della lettura a tutti i costi.

Un secondo libro è finito nell'indice dei libri proibiti alla coinquilina Bassa da noi personalmente stilata grazie al nostro potere assoluto e insindacabile di cui godiamo grazie allo status di genitori.

Il primo libro era un'edizione vintage di Cenerentola appartenuta alla Alta, un vero pezzo da museo di libro pop up, che ora giace in pezzi da qualche parte (Nota: i libri pop up sono fortemente sconsigliati per i bimbi con meno di un anno... ma come al solito è stata tutta colpa della suocera. Leggi qui tutta la vicenda).

Il secondo libro è un recente acquisto della Alta, scelto con l'implicito scopo di rinforzare il rapporto tra lei e la coinquilina Bassa. Il suddetto libro è composto da diverse storielle che hanno come protagonisti cuccioli di animali antropomorfizzati che, per superare le diverse difficoltà che la vita pone, chiedono aiuto alla mamma (di papà, neanche l'ombra).
Il pinguino distrugge con la slitta l'igloo del tricheco? No, non se la sbriga da solo. Scappa e chiama la mamma.
L'orsetto bianco sta congelando sotto la neve? No, i genitori non vengono denunciati ai servizi sociali. Ma il malcapitato chiama la mamma che lo salva da morte sicura.
La scimmietta si spezza una gamba cadendo da un ramo? Niente ambulanza, si chiama la mamma.
Il povero ippopotamo spezza il monopattino per via del suo dolce peso e viene deriso dagli amici? No, non chiama il dietologo e neanche li picchia. Chiama la mamma.

Insomma, un libro molto educativo che insegna che per qualsiasi difficoltà della vita, grande e piccola, bisogna urlare a pieni polmoni la parola "MAMMAAAAAAA!".
La conseguenza di questo lavaggio del cervello è che ora la Bassa chiama la mamma per qualsiasi cosa le capiti. E soprattutto si immedesima in una situazione proposta dal malefico libro: quella dello scoiattolino che si sveglia dal letargo con una fame nera e disintegra i timpani della genitrice urlando "MAMMMAAAAAAAA!!!! GHIANDEEEEE!""""

é successo che per tutte le mattine dell'ultima settimana, in un orario variabile tra le 4 e le 5, quella Bassa iniziasse a strillare:
"MAMMAAAAAA! VIENIIII! LATTEEEEEEEEE! LATTEEEEEEEEE!".
Siccome quella Alta spesso fingeva di essere in stato comatoso e non si muoveva, ho provato a propormi io andando nella cameretta della Bassa per prelevarla e farle il latte.
Con il risultato che le urle aumentavano di almeno tre toni.
"MAMMMA LATTE!!! TU, VIA!!!!"

All'inizio la coinquilina Alta pensava che passassi sottobanco dei soldi alla Bassa per evitarmi i lavori.
Io invece credevo che fosse in atto una campagna denigratoria nei miei confronti. Sia citata come prova la seguente discussione.
"Bassa, ma tu vuoi bene al papà?"
"No. Mamma bene!"

Alla fine si è scoperto che la causa dello strano comportamento è quel cavolo di libro.
"Dobbiamo annullare gli effetti di quel libro, io non ce la faccio più" mi ha confessato quella Alta, stremata dai risvegli e dalla continua attenzione richiesta.
"Cara mia, chi è causa del suo mal pianga se stesso!"
"Ma basta coi proverbi, ci vuole una soluzione! e poi sveglia anche te!"
"Giusto, ma cosa possiamo fare oltre a bandire immediatamente il libro?"
"Ho la soluzione! Facciamo un anti-libro!"
Ok, però i disegni li faccio io.
Acquistati pastelli e cartoncino, cercheremo di realizzare un libro in cui si racconta la storia di uno scoiattolino che si addormenta nel suo letto, da solo e in cinque secondi, e che dorme sempre tutta notte. E che se anche si sveglia, anzichè rompere i maroni ai genitori, si gira dall'altra parte e riprende a dormire. Fino alle 10 del mattino quando è sabato e domenica.
Potrebbe funzionare?

18 commenti:

  1. Adesso che hai mano libera... che razza di animale inventerai per illustrare il libro, memore della feroce diatriba sull'animaletto mascherato al compleanno della leoncina? Potresti sbizzarrirti!
    Buon lavoro!
    LaCherry

    RispondiElimina
  2. lacherry è vero... tra l'altro il malefico libro è sempre lo stesso!

    RispondiElimina
  3. Diabbolico...
    LaCherry

    RispondiElimina
  4. Visto che sei in vena di proverbi, direi che "tentar non nuoce"! :P
    In bocca la lupo!

    RispondiElimina
  5. @ LaCherry: :-)

    @ Jane: c'è anche "il mattino ha l'oro in bocca". Ma secondo me alle sei non vale...

    RispondiElimina
  6. Mmmm provaci. La veggo buia però!

    RispondiElimina
  7. @bismama: è la stessa logica dell'altro libro, quindi "sulla carta" questo anti-libro deve funzionare, no?!?! se funziona sono un genio della pedagogia e ho risolto tutti i tutti i problemi!!! (vista così sembra un po' semplicistico anche a me... ma non si può mai dire)

    RispondiElimina
  8. A me preoccupa che i disegni siano opera tua. Imparerà a voler bene ad ALIEN o a GODZILLA! :-)

    RispondiElimina
  9. anonimo collega19 aprile 2010 13:03

    Se il progetto va in porto e funziona siete dei geni! Poi vi mettono sulle banconote come la Montessori!

    RispondiElimina
  10. @Nobilmantis: è pur sempre un'idea per rompere gli schemi. Basta con tutti questi personaggi buonisti, un po' di mostri non guastano!

    @anonimo collega (ma non troppo): già vedo la mia foto con di fianco la Bassa sulle banconote da 5 euri!!! e son soddisfazioni!

    RispondiElimina
  11. Temo di no...ma perchè non provare, magari apri un'altra frontiera di comunicazione intergenerazionale.

    RispondiElimina
  12. @mammaincina: se funziona però tu potresti diventare distributore esclusivo in cina. un libretto a bambino e diventiamo multimilionari. Altro che turistapersempre...
    Tra l'altro... mi ci vedi bene sulle banconote cinesi, come la montessori sulle lire?!? :-)

    RispondiElimina
  13. funzionerà e diventeremo ricchi, ti farò pubblicità presso tutti i genitori dei miei alunni più rompipalle (moltissimi, facciamo a metà per la pubblicità?)
    in ogni famiglia non ne potranno mancare più e più copie, nessuno potrà farne a meno!!
    meglio del ciuccio e della tata svizzera.
    maestra

    RispondiElimina
  14. grande maestra! via col business!

    RispondiElimina
  15. Caro Papaciaocacao, non vorrei scoraggiarti ma Jack the frog presenta tutti gli stessi comportamenti della Bassa pur non avendo mai letto il libro da voi messo all'indice.
    Con l'aggravante nell'allontanare il genitore maschio specifica:"b'utto papà, caccio caccio, via via!" (dove caccio in realtà sta per caLcio ed è accompagnato da un pericoloso mulinare di zampette)… tu comunque il controlibro preparalo e se funziona te lo compro: che la speranza si sa è sempre l'ultima a morire!
    Cla

    RispondiElimina
  16. Fallo, fallo, che poi lo pubblichiamo e traduciano in 365 paesi.

    Noi ci abbiamo provato con Tutti in pigiama, tutte le cose tipiche per non andare a letto che si inventano i figli ritrasformate in rima che alla fine dormivano tutti i cuccioli concludendo: e adesso tocca a te (sottotitolo.: e fuori dalle palle). non mi ricordo se ha funzionato, mi addormentavo sempre prima io come babbo coniglio.

    RispondiElimina
  17. @mammamsterdam: business is business. a presto aggiornamenti editoriali

    RispondiElimina
  18. commento per evitare che restino 17 commenti...

    RispondiElimina