giovedì 17 giugno 2010

La Bassa Addormentata

C'era una volta una bambina che era molto bella, anche se un po' bassa.
Aveva capelli color del grano maturo, ricciolini e spettinati, e due grandi occhi color del cielo spalancati sul mondo.
Questa bambina era molto sveglia e vivace. Non aveva ancora compiuto due anni e già parlava molto bene, esprimendo concetti filosofici di un certo livello in modo forbito ("la cacca puzza"; "il gelato è buono", "lo smalto grigio è bello, quello rosso però è più bello") e disquisiva con scioltezza sul tempo con tutti quelli che incontrava per strada ("Oggi piove e c'è vento"; "Oggi c'è vento e poco sole"; "speriamo piova"). Inoltre disegnava utilizzando sia la mano destra sia la sinistra (e a volte anche tutte e due insieme) su tutte le superfici possibili (fogli, muri, pavimenti, lenzuola, sedie, scatole).
Questa bambina amava fare il bagno in piscina, nel mare e nelle pozzanghere, facendo sempre tanti schizzi, e le piaceva giocare con la terra, che si rovesciava in testa, ma anche con gatti, scarafaggi, ragnatele e con ogni immonda schifezza che le capitava sottomano. Da vera monella aveva sempre le ginocchia sbucciate, ma era anche molto dolce e affettuosa: spesso abbracciava forte forte i suoi preferiti (più che altro la mamma) e diceva "ti voglio tanto bene" (e poi aggiungeva: "anche a papà").
Qualche volta questa bambina si trasformava in un mostricciatolo urlante, ad esempio quando voleva far qualcosa che i grandi non le lasciavano fare. Spesso li ammoniva con dei sonori "vai via", oppure "vai a fare qualcos'altro", altre volte se ne andava lei dicendo "Vado via a casa mia".
Tuttosommato però era una brava bambina che si autoproclamava "felice".

Questa bimba un po' bassa aveva un solo problema: non voleva dormire mai.
Fosse stato per lei sarebbe rimasta sveglia sempre, ininterrottamente, venti quattro ore su ventiquattro: niente pisolino del pomeriggio, niente nanna alla sera. Niente di niente. Mentre gli altri bambini a un certo punto crollavano, stanchi ed esausti, lei niente da fare: era sempre sveglia come un grillo. Questo perchè la bimba considerava il sonno una gran perdita di tempo, che la sottraeva ai suoi giochi, ai colori e alla vita e quindi lei assolutamente si rifiutava di dormire.
Anche quando era esausta, si alzava dal lettino per andare a salutare il papà, a guardare la televisione, a bere l'acqua. Certe volte cercava anche di infilare la porta di casa per andare di notte al parco giochi.

I genitori, esausti, la facevano addormentare nel lettone perchè tutta la procedura di addormentamento non durava mai meno di un'ora- un'ora e mezza e la bimba non cedeva alle braccia di Morfeo mai prima delle 10.30, che per una bambina di 21 mesi equivagono alle 3 dei grandi.

La sua mamma e il suo papà dovevano sempre darle una passatina sul gas o una botta in testa per farla addormentare, ma si trattava di metodi non approvati dall'Unicef e dunque da usare con cautela. Avevano anche provato a darle il biberon contenente potenti sonniferi ma lei, astuta, anzichè berlo, si sdraiava, teneva le braccia dritte sopra di sè così al primo cedimento il latte le si rovesciava in faccia e lei si svegliava.

Finalmente un bel giorno, trovarono la soluzione per far addormentare la propria bimba bella, anche se un po' Bassa, nel suo lettino, senza pianti, capricci o scuse e con un metodo approvato anche dal telefono Azzurro.
Cosa fecero quegli illuminati genitori? Beh, è molto semplice: loro....

"Bassa? Ehi Bassa, dove vai? No, non puoi mangiare la pancetta a quest'ora... Bassaaaaa..... torna a letto"

... e grazie a questo metodo vissero tutti felici e contenti e con loro tutti i genitori del mondo che impararono un metodo infallibile e sicuro per far dormire i propri figli.


Fine.

16 commenti:

  1. Mio figlio non va mai a dormire prima delle indici/undici e un quarto. il tempo di addormentamento nel lettone varia dai 10 minuti alle mezz'ore intere poi passa al lettino e buona notte fino al giorno dopo. Pero' mi interessa capire meglio questo metodo ...devo fargli mangiare la pancetta prima di addormentarlo ???:-)

    RispondiElimina
  2. Con il nano non ho grossi problemi. Ma per Second terrò presente aggrazie!

    RispondiElimina
  3. Non l'ho capita...

    RispondiElimina
  4. effettivamente questo post risulta un po' criptico... potrei spiegare cosa intendevo dire, ma in fondo è meglio lasciare un'aurea di mistero... :-)

    RispondiElimina
  5. Quindi tu mi vuoi dire che la pancetta risolve tutti i problemi?

    RispondiElimina
  6. uffa, anch'io non ho capito il trucco, e sì che ci speravo.
    accetto qualsiasi consiglio che non preveda pancetta, gas od oppiacei: la rana duenne s'addormenta - con me - verso le 11 e io nun gliela fò più!!! help!

    RispondiElimina
  7. Non puoi cavartelo così. E' ingiusto nei confronti del tuo pubblico ...

    RispondiElimina
  8. la verità è che sono depresso da ieri per la mia mancanza di comunicazione espressa in questo post. la Alta mi faceva notare che lo possono capire solo tre persone: io lei e la Bassa quando sarà cresciuta.
    troppi sottointensi, qualche soprainteso, un malinteso.

    RispondiElimina
  9. Consiglio un bel libro "Facciamo la nanna" di Grazia Honegger Fresco, si può scuriosare introduzione e altro cliccando qui:
    http://www.bambinonaturale.it/scheda.asp?idv=1412
    Io l'ho trovato molto bello davvero.
    ...Buona notte allora!
    ;)
    colibrì

    RispondiElimina
  10. Sono appena capitata sul tuo blog e già mi piace. Ma devi, assolutamente devi spiegarmi questa cosa della pancetta. Sennò non gioco più :)

    RispondiElimina
  11. Da quel che ho capito io ... speravano di aver capito come addormentare la bassa ma in realtà non hanno fatto in tempo a pensarlo che la pupa si è svegliata per andare a mangiare la pancetta ...
    Clà

    RispondiElimina
  12. Sono d'accordo con l'ultimo commento: anche io ho capito questo.

    RispondiElimina
  13. cara clà, la tua interpretazione mi solleva e mi conforta: è quella corretta!!!
    riemergo così da un lungo week end depressivo!
    effettivamente non era molto chiaro, ma confidavo nelle potenzialità interpretative dei miei fedeli blog follower!!!

    RispondiElimina
  14. EVVIVAAAA cosa ho vinto?!
    Un panino di pancetta ;-)
    Fedele blogfollower ?!
    WOW e pensare che ho commentato pochi messaggi ... doppio premio allora?
    Clà

    RispondiElimina
  15. grande clà!
    il tuo commento direi che in questo caso è stato fondamentale! potresti vincere anche dell'insalata del mio orto pensile!

    RispondiElimina
  16. Sei fantastico, è bellissimo leggere le tue storie,sembrano tratte da un libro.
    Scusa se non centra nulla con il post,ma cmq complimenti ;)

    RispondiElimina