mercoledì 26 maggio 2010

Apologia

Non mi basti mai.
Senza te mi sento perduto.
Sei il mio punto fermo nella tempesta che sovente scoppia nella micro casa, un punto di riferimento, un'ancora, una bussola.
Grazie a te asciugo lacrime, soffio nasi e pulisco bocche.
Grazie a te ripulisco pavimenti e pianali della cucina e dono un volto dignitoso al divano.
Grazie a te raccolgo tutte le sostanze fisiologiche che la mia coinquilina Bassa da quasi due anni a questa parte spruzza in giro per casa e che altrimenti non saprei proprio come approcciare.
Nelle situazioni più difficili, basta bagnarti per risolvere tutti i problemi.
Senza te la mia vita sarebbe diversa: non saprei come ripulire il seggiolone, ma neanche come intervenire per pulire le lorde manine di quella Bassa che ancora mangia con le mani
Ti uso smodatamente e vengo spesso redarguito perchè mi si dice che uno strappo potrebbe essere sufficiente, ma io preferisco andare sul sicuro e non ne faccio mai meno di 6.
Per questo acquisto solo rotoli di dimensioni gigantesche, non quei piccoli scottex che io finirei in due strappi e un paio d'ore.
Ti uso e poi ti butto senza ripensamenti, senza che tu ti lamenti.

Perchè io lo so che tu, caro asciugone, ne sei profondamente felice.


NOTA BIOGRAFICA: Tempo fa, avevo preso la buona abitudine di imparare una nuova parola al giorno. Poi, visto che sono persona inconstante e inconcludente, ho abbandonato il progetto, con gravi ricadute sul mio eloquio.
In seguito mi sono ripromesso di leggere il dizionario, ma questo aveva il non trascurabile difetto che facevo dei periodi a usare molte parole con la A, poi con la B, peraltro senza poter anelare, per via della mia dichiarata inconstanza, di conoscere il significato delle parole "Uzzolo", "sineddoche" o "zeriba".
Ho deciso dunque di rispolverare una parola che è molto in voga, Apologia (Discorso in difesa di qualcosa o di qualcuno, definizione che conosco trattandosi di parola che inizia con la "a"). e ho scelto di fare un apologia all'asciugone, mio fidato compagno di mille e più avventure.



NOTA BIOGRAFICA/2: L'apologia dell'asciugone è in stridente contrasto con il post eco compatibile di ieri. Ma ahimè, sono un uomo dalle mille e più contraddizioni.

9 commenti:

  1. Nobilmantis l'entusiasta27 maggio 2010 16:23

    Fantastico! L'ODE ALL'ASCIUGONE!! Qui si sconfina ampiamente nella pura poesia. Questo BLOG dovrebbe essere dichiarato "PATRIMONIO DELL'UMANITA'"

    RispondiElimina
  2. .... un giorno mi studieranno a scuola come facevamo noi con dante o manzoni...

    RispondiElimina
  3. Complimenti Giovanotto, lei è una continua sorpresa. Artista, programmatore, agricoltore, chimico ed ora anche poeta. Sembra il nostro presidente del consiglio.

    RispondiElimina
  4. povero te, che complimenti ricevi!

    RispondiElimina
  5. beh effettivamente mi manca solo di diventare un immobiliarista, di possedere svariate reti televisive, di diventare presidente del consiglio, di comprare una squadra di calcio... ed è praticamente fatta!

    RispondiElimina
  6. Quasi FATTA! Mancano le escort, ma non dicamolo a quella ALTA!!

    RispondiElimina
  7. ... e io che credevo avessi scitto un ode d'amore a quella Alta!!!!
    puiff uomini!!!
    mammina74

    RispondiElimina
  8. vedi, mammina74, l'asciugone è emblematico. si usa e poi si getta senza che si lamenti. altro che le donne.... :-)

    RispondiElimina
  9. Molto, molto bella! Stupenda l'idea di imparare un vocabolo al giorno... da copiare.
    LaStancaSylvie

    RispondiElimina