lunedì 24 maggio 2010

In Plautmasch we trust

Rubrica settimanale: I lunedì del Prof. Plautmasch*
Questa volta intendo fornirvi una succulenta anticipazione parlandovi del mio nuovo lavoro: "NANOTECNOLOGIE: ovverosia TECNOLOGIE per nanetti".L'idea mi è venuta un po' di tempo fa, quando sono andato a trovare alcuni amici che lavorano al CERN.

Ho scoperto che qualcuno, a scopo puramente ludico, ha progettato invenzioni che migliorano la propria vita famigliare. Pannolini ipertecnologici che a ogni cambio presentano un repeferto completo delle analisi delle urine, passeggini radiocomandandati a propulsione nucleare, seggiolini per auto con incorporato distributore automatico di bevande nutritive.

Dopo quella visita mi sono posto la seguente domanda: Quanto la tecnologia ha reso più facile il lavoro dei genitori? Non mi sono dato una immediata risposta (alle volte amo ignorarmi) e sono andato ben oltre: la moderna tecnologia rivolta ai nanetti, cuccioli, hobbit, bimbi insomma, sta contribuendo a generare quello che tutti sembrano ignorare e che invece dovrebbe essere evidente agli occhi di ciascuno di noi: un autentico conflitto generazionale. Ne avevo già accenato anni fa nel mio "Genitori e motori: conflitti interiori", ma adesso la frontiera è andata ben oltre rispetto a quello che allora sembrava essere un limite invalicabile.

Ponetevi infatti una domanda; chi di voi genitori, almeno una volta nello svolgimento della propria funzione, non si è sentito rivolgere dai propri genitori o dai propri suoceri: "Adesso è tutto più facile, ai miei tempi non avevamo queste comodità". Già non c'erano, ma che colpa ne hanno i neo genitori? Che colpa hanno se adesso ci sono delle ecografie tridimensionali che sembrano prodotte direttamente dalla DREAMWORKS? Che colpa hanno questi neo papà e queste neo mamme se prima il sesso del bimbo lo si apprendeva alla nascita? O addirittura qualche mese dopo? Nessuna colpa, nessunissima colpa. Ma tanti sensi di colpa, perchè c'è sempre un "Dai retta a me, figliola, fai in questo modo ... prima non c'erano mica tutte queste creme, questi prodotti, queste salviettine. Usa quello che usavo io con te: dello yogurt magro!!!". "Dai retta a me ... smettela con questo programma di svezzamento, sono tutte mostruose cavolate ... a te quando avevi la sue età (11 mesi n.d.P.) davamo direttamente la frittata di cipolle e la peperonata con capperi."(Già e adesso, cara mamma, io odio sia le frittate, sia le cipolle, sia quei stramaledetti peperoni e ancor di più quei stramaledetti capperi. Non posso digerirli, dannazione!!!).


*Il prof. Wildebrando Apollonius Plautmasch, esperto in "Scienza del comportamento umano", di professione tuttologo nonchè autore di molti trattati e molti libri, è titolare della rubrica settimanale "I lunedì di Plautmasch" pubblicata ogni lunedì su questo blog.

8 commenti:

  1. Professore, quanta saggezza... che vette inarrivabili! e mi metto in coda per avere il passeggino radiocomandato e il seggiolone auto tipo ferrero rocher...

    PS devo confessare che per me ogni martedì è una giornata difficile perchè mi tocca confrontarmi con il suo predecente intervento...

    RispondiElimina
  2. PPS Devo anche ammettere che c'è un'altra cosa che mi turba. Dopo mesi di appassionata redazione di questo blog, che succede? che il picco di contatti, nonchè il massimo giorno di visite qual è stato? Lunedì scorso, primo giorno del suo intervento!!!!

    RispondiElimina
  3. Siamo per l'evoluzionismo antropologico e scientifico.
    Andiamo avanti, grazie a ddio!!
    (Ora, non voglio dare tutta la colpa agli altri, ma lo vedevano che stavo bevendo Sambuca e non acqua...avevo solo 5 anni, i miei neuroni ne risentono da allora! Mari)

    RispondiElimina
  4. Collega anonimo24 maggio 2010 14:38

    Piccoli traumi crescono. A me non piace la cucina cinese. Viva la lasagna, siempre.

    Grazie Professore.

    RispondiElimina
  5. Evoluzionismo che non sempre è sinonimo di "vantaggio" o "miglioramento"...
    Il progresso è relativo tutto sommato.

    RispondiElimina
  6. @Papàciaocacao: Giovanotto, la ringrazio. Essendo lei tecnicamente uno dei mie editori, il suo entusiasmo mi gratifica. Faccia seguire a questa manifestazione di gioia un congruo bonifico.

    @Mari: Sambuca? meraviglioso! Avrà avuto una fanciullezza davvero allegra e spensierata.

    @Collega anonimo: Evinco dal suo post che i suoi genitori abbiano ecceduto in menù asiatici. Sulla lasagna, comunque, nulla da dire. Una panacea contro ogni stress.

    @Sabrina: concordo sulla sua riflessione. Occorre comunque ammettere che l'invenzione dello schiacciapatate ha portato notevoli benefici a tutta l'umanità.

    RispondiElimina
  7. Plaut: ma che bonifico, non mi dica che anche lei è asservilito al vil denaro!
    La gloria non ha prezzo...

    RispondiElimina
  8. La nostra collaborazione continuerà (spero) su questi binari. La prego di perdonarmi, caro giovanotto, ho avuto un attimo di sbandamento .. sa com'è: ho ricevuto una ottima proposta dal BLOG del Real Madrid!!!
    In Spagna mi conoscono come THE SPECIAL(PLAUT)ONE

    RispondiElimina